Collezione

VINCITORI PREMIO ADRENALINA 3.0

AREA 1 :

GOLD :

1°) A.Kurakina – L.Lottici- V.Iannotta a pari merito + menzione speciale e premiati A.Cortese – K.Milakovic

SILVER :

1°) T.Pensa 2°) M. Fahimi 3°) I.Simone 3°) J.Serreli

NUOVE PROPOSTE :

1°) S. Lovari 2°) G.Colangelo 3°) A. Morino 4°) M.R. Bertuccelli 5°) D. Di Pasquale

AREA 2:

GOLD :

1°) M.Gabbana

SILVER :

1°) Aidan 2°) S. Ekelund 2°) P.Torella 3° ) S. Poncia

NUOVE PROPOSTE :

1°) M.T.Caminiti 2°) G.Viganò 3°) l. Isaia 4°) D.Salis 5°) M. Mercaldo

AREA 3:

GOLD :

1°) G.Spernazza

SILVER :

3°) F. Di Carlo

NUOVE PROPOSTE :

1°) B.Borella 2°) Santaseveso

AREA 4:

SILVER :

1° ) D.Cecchini - A. Borrelli

PREMIO VOTI ONLINE SITO :

D. Bellofiore

PREMIO SCUOLE MARINO STUDENTI :

M. Barbarossa

Attestati di partecipazione a tutti gli artisti in concorso

invito


La presentazione ufficiale della 2°edizione del PREMIO INTERNAZIONALE ADRENALINA e il relativo special party dal tema "IL MIO PARADISO" si è svolto il 2 agosto 2014 presso l'esclusivo EL HOTEL PACHA di IBIZA . Vai alle foto >>

Volha Piashko & Anastasia Kurakina




“Stanza fiscale” digital painting, 50×70,2011
“Stanza fiscale” e’ una grande incubatrice fiscale che offre un certo modello di vita, tempo,memoria e articolazione spaziale. E’ una matrix fiscale, un database, uno scorrere costante delle immagini di scontrini che rappresentano la nostra vita in cifre e dati. Il progetto parla della nuova strategia del controllo.

Roberto Mercoldi




intro(pro)spettiva3D – bozzetto preparatorio per opera 3D

Daniele Romani




Autoritratto, stampa digitale/Video, dimensioni: 100×70 cm, video: 42 sec., 2012
Uno, nessuno e centomila…Chi si cela dietro il QR Code? QR Code, un crittogramma che al tempo stesso è “burqa tecnologico” e porta verso il mondo.
Il visitatore interagirà direttamente con l’opera e l’artista attraverso l’uso del proprio smartphone e con la lettura del QR code animerà l’opera e svelerà il volto e il disagio dell’artista intrappolato dagli schemi dell’omologazione quotidiana.
Per animare l’opera

Salvatore Mauro




Luce dei miei occhi – light box – foto digitale, luce, acqua – 60x40x8 cm – 2011
Un corpo di donna nudo isolato su sfondo bianco e luminoso esce dalla luce come qualcosa di etereo e carnale insieme, inizia così il gioco malizioso e simbolico tra immagine fotografica e il suo reale messaggio. Nell’immagine scelta nulla è lasciato al caso; bocca rossa e carnosa, lunghi e lisci capelli nero corvino, neo sulle labbra, carnagione candida e pelle segnata da tatuaggi provocatori. Questa donna ha tutte le caratteristiche della <>, una Valentina in chiave iper-contemporanea, che rappresenta una nuova sensualità estremamente attuale nella sua energia, una <> che lotta per la dovuta indipendenza senza rinunciare alla carica femminile che ogni donna possiede. Esile ma forte perché << nella nuova contemporaneità tutto deve esser forzatamente bello e quelle forme sono il simbolo dell’idea di un raggiungimento di vittoria sulla vita.>> (Come racconta l’autore) In questo gioco estetico come riesce a cavarsela il messaggio reale? Partendo dalle parole di uso comune <>, il simbolo del messaggio diventa un neon posizionato sullo sguardo non per illuminarlo come ci si potrebbe aspettare, ma per coprirlo perché dove arriva la luce termina il bisogno di guardare, scrutare o seguire ma basta farsi guidare da quell’intima illuminazione che ognuno di noi può raggiungere. Il lightbox è sicuramente la cifra stilistica dell’artista ma in questo per la prima volta sfrutta la luce come unica e indiscussa protagonista sia nella forma che nei contenuti, dichiarando la velleità e la determinazione di creare un’estetica autonoma che duri nel tempo.
Valeria Gatti

Kyrahm e Julius Kaiser



526009_4613317623369_989986420_n
Human Installation 0 : Crisalide – Performance Art (video originale e stampa frame video autenticata)


“Dormi o sei morta?”
Mamma conchiglia,
figlia poltiglia.
“sono viva, non senti il mio respiro?”
“Credevo fosse il vento.” (Kyrahm)


L’isolamento volontario è l’illusione di sentirsi al sicuro. Rinchiusa in un bozzolo per 27 ore con collegamento web 24 ore su 24. L’artista Kyrahm è vegliata giorno e notte dalla propria madre che provvederà ai suoi bisogni primari. Un gesto per risanare l’incomunicabilità tra genitore e figlio. Una webcam è posizionata allinterno della crisalide, collegata al sito http://www.humaninstallations.com/channel.htm attivo 24 h su 24 durante l’esecuzione della performance ed il pubblico può lasciare feedback scritti nella chat attiva. Il canale web tv Human Installations di Kyrahm e Julius Kaiser e’ un canale indipendente dedicato ai nuovi linguaggi di sperimentazione corporea, performance art, body art e live art . “Attraverso il livestreaming cerchiamo un’interazione tra spazio pubblico e privato, un’estensione dell’hic et nunc, l’interdisciplinarieta’ dei linguaggi della comunicazione.”
Durante la performance il canale è inserito in portali d’arte e culturali, diffuso attraverso i principali social network e mailing list.

Dopo 27 ore, uscita dal bozzolo, ricomincerà a nutrirsi e riprendersi per iniziare “Human Installation II: Ciclo della vita” ispirato alle fasi dell’esistenza dopo la nascita: un neonato che piange affamato, la pubertà che si copre imbarazzata, soggetti anziani che mostrano i loro vecchi corpi.


Sandra Hauser





“Devi morire prima di morire”, Installazione, Autoritratto bipartito, Fotografia digitale 101 x 125 cm, Giclée Fine Art Print su carta Hahnemuehle, Video Full HD 6:25 min
L’opera “Devi morire prima di morire”- un autoritratto bipartito – è un omaggio al “Davide con la testa di Golia” di Caravaggio. Una foto e un video mostrano l’artista girare senza posa su se stessa, mentre prova disperatamente a riunire nel suo seno i due ego in conflitto. Forse uno dei due deve morire prima che lei possa morire…
La guerra degli due Ego si mostra anche nel linguaggio artistico che ha scelto Hauser. L’installazione gioca con la messinscena…una foto digitale che sembra un quadro dipinto in olio con un cornice d’oro e un video che mostra apparente la sua origine. Una finta in una finta? Sopratutto una ricerca che va oltre i confine e gli tempi delle discipline artistiche.
Il simbolismo delle immagine ispirato dal simbolismo e dalla profondità di Caravaggio espresso con la tecnologia digitale di oggi, per raccontare storie profonde, che non hanno confine del tempo o età, che sono sempre attuale, perché sono storie delle persone, delle vita e del essere umano.